Area Riservata

Autenticazione al sistema
Password dimenticata Registrati

Ultime Decisioni Pubblicate

Tutte le Armi Pubblicate

Cento anni di prove

Il libro a cura di Carlo Camarlinghi e Massimo Pagani per celebrare il Centenario del Banco Nazionale di Prova

Cento anni di prove

Cento anni sono passati da quando, nel 1910, con un regio decreto fu istituito come ente di diritto pubblico il Banco di Prova di Gardone Vai Trompia. Così da un secolo, possiamo vantarci di averlo sul territorio del nostro Comune. Qui è nato e qui ci si augura possa restare per altrettanti anni, con la speranza, non certo ingenua, di accrescere il proprio raggio d'azione, come d'altra parte si è fatto, sia attirando nuovi paesi del mondo, dove certificazioni di questo livello non sono diffuse, né utilizzate, sia ampliando la propria gamma di servizi. Il suo ruolo è di garantire un alto livello di professionalità di uno strumento, l'arma, fucile o pistola che sia, che oggi, più che mai, non deve necessariamente richiamare chissà quali funesti scenari, ma deve sapersi, questo sì, legare alla sicurezza, alla tecnologia ed al progresso.

Ritengo, inoltre, come oggi più di allora, sia fondamentale l'indipendenza dell'Ente dall'Industria stessa che lavora in questo settore. È auspicabile per poterne riconoscere, tra altrettanti cento anni, il suo ruolo ed il suo valore di Ente che lavora a favore di tutto il settore indistintamente, dando in questo modo un valore aggiunto a qualsiasi arma venga testata. Infatti il simbolo, il marchio, il punzone impresso su ogni arma che passa per il Banco di Prova riporta lo stemma del nostro Comune, simbolo di appartenenza per tutti e della specificità del territorio.

Siamo gli unici in Italia ad avere un sistema che predilige e riconosce con obiettività, la sicurezza e la qualità delle armi testate ed è ormai divenuto un sinonimo di qualità riconosciuto in tutto il mondo. Perchè allora non proviamo tutti insieme, produttori ed enti del territorio, ad utilizzare questo marchio come marchio di origine controllata e garantita, Made in Val Trompia, come fosse un vino di alta qualità? La concorrenza internazionale ci porta ad affrontare mercati molto lontani in cui la competizione non si gioca come singola azienda, ma come sistema fatto dai produttori, dalle tradizioni e culture del territorio e dagli istituti certificatori della qualità e della provenienza. Noi adesso in Val Trompia abbiamo tutto questo sia sotto l'aspetto culturale con la Via del Ferro ed il Museo delle Armi e della Tradizione Armiera, sia come ente certificatore con il Banco di Prova, sia come produttori conosciuti in tutto il mondo. Dobbiamo sforzarci a superare i nostri interessi personali per riuscire a lanciare un'operazione di promozione territoriale che ci faccia conoscere in tutto il mondo per creare poi un ritorno per le aziende ed interesse per il nostro territorio. Oggi, più che mai, Gardone Val Trompia ha bisogno di mostrarsi non solo come "il paese delle armi", ma soprattutto come vertice di una filiera d'avanguardia, che può contare sulla presenza di questo importante Istituto: così potremo portare ed esportare con orgoglio il nome del nostro Comune ovunque.

Michele Gussago
Sindaco della Città di Gardone Val Trompia (BS)